La mia vita qualunque parte1

La mia vita qualunque ha inizio in modo assai traumatico. Ore 5e35 é mattina, la sveglia mi sveglia e bastarda e senza cuore rimane sorda a tutte le mie richieste di silenzio.

“Cacchiolina sveglia abbi pietà!”

A modi di un condannato sul patibolo, come un’automa, trascino il mio corpo fuori dal caldo lettuccio. Passeranno ore prima che il neurone cominci a dare segni di vita, in alcuni casi giorni.

Prima tappa, cucina e caffè. (Che mondo sarebbe senza il caffè! Cit) un mondo di merda deduco.

Finalmente grazie alla caffeina, il criceto in prognosi riservata e che fa girare la ruota del mio cervello riprende conoscenza. Quel minimo che basta per realizzare chi sono, dove sono e cosa dovrei fare da lì ai prossimi 5 minuti: pipì, forse anche la cacca!

Procedo in direzione bagno. Per mia fortuna appartengo alla bassa borghesia, 17 passi mi separano dalla prossima meta, il bagno. Giusto-giusto in tempo, dal momento che il cricetino ancora non sveglio manda segnali a scoppio ritardato tra cervello e vescica.

La sosta sulla tazza con la tazza è la parte che preferisco, e vi svelo un segreto. Buona parte dei miei racconti nascono così, nella “stanza del pensatore”. Quale posto migliore per dare libero sfogo alle idee? In silenzio e pace posso concentrarmi.

Da qui in poi il ritmo delle mie giornate ha un brusco cambiamento, sarà per il caffè, sarà che il criceto si è messo in moto, sarà che nel frattempo ho dedicato un’oretta buona alla fase “mi sveglio ma non sono d’accordo”. In meno di dieci minuti sono lavata, no pettinata tanto i miei capelli fanno quel cavolo che gli pare, vestita e mi sono buttata da sola fuori di casa.

Nel mezzo sono anche sicura di aver sistemato le mie cinque bestioline di satana, fatto uscire i cani e dato fieno e acqua fresca alla coniglietto. Mi auguro sempre di aver rispettato questo ordine, altrimenti quando rientro la sera mi ritrovo una coniglia molto nervosa e del fieno sparso per casa tra pipì e altro.

…..mi sono accorta che il racconto è molto più lungo di quello che credevo, quindi la seconda parte a dopo.

(È finito il tempo sulla tazza con la tazza)

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da LaMela777

Sono una blogger diversamente agiata in un mondo palesemente disagiato. Ho un master in "LaQualunque" all'università della vita. Un mio difetto? Li ho tutti!

3 Risposte a “La mia vita qualunque parte1”

I commenti sono chiusi.

1 di

Fatal error: Uncaught Error: Call to a member function have_posts() on null in /membri/.dummy/master/wordpress/wp-content/plugins/altervista/classes/class-av-custom-post-type-manager.php:118 Stack trace: #0 /membri/newtonsapple777/wp-includes/class-wp-hook.php(308): AV_Custom_Post_Type_Manager->{closure}('') #1 /membri/newtonsapple777/wp-includes/class-wp-hook.php(332): WP_Hook->apply_filters(NULL, Array) #2 /membri/newtonsapple777/wp-includes/plugin.php(517): WP_Hook->do_action(Array) #3 /membri/newtonsapple777/wp-includes/load.php(1124): do_action('shutdown') #4 [internal function]: shutdown_action_hook() #5 {main} thrown in /membri/.dummy/master/wordpress/wp-content/plugins/altervista/classes/class-av-custom-post-type-manager.php on line 118